LA SCUOLA WEB

NOTIZIE WEB Associazione Istruzione Unita Scuola

giovedì 8 ottobre 2015

Voucher maternità: quando decade l’assegno

Voucher per lavoratrici madri alternativo al congedo parentale: durata e ammontare dell'assegno per asilo nido o baby sitting legati a contratto e orario di lavoro: istruzioni INPS.

a dipendente perde il diritto al voucher di maternità a partire dal giorno successivo allacessazione del rapporto di lavoro: lo chiarisce l‘INPS, che con il Messaggio 5805/2015fornisce precisazioni sull’assegno destinato a servizi per l’infanzia, fruibile al posto delcongedo parentale. Si tratta di un sussidio di 600 euro al mese per baby sitting o asilo nido (pubblico o privato accreditato), introdotto dalla Riforma del Lavoro 2012 (articolo 4, comma 24, legge 92/2012).
Durata
Il voucher è legato al rapporto di lavoro attivo: viene riconosciuto dal giorno di presentazione della domanda e fino al giorno della cessazione del rapporto di lavoro.
Esempio: presentazione domanda 12 gennaio 2015, cessazione rapporto 12 marzo 2015 – alla madre lavoratrice saranno riconosciuti due mesi di beneficio, dal 13 gennaio al 12 marzo.
Ammontare
Se il rapporto di lavoro subisce modifiche, ad esempio con passaggio da tempo pieno a parziale, il voucher per i giorni successivi alla trasformazione saranno riconosciuti in modoproporzionale al nuovo orario di lavoro. Il mese è interamente riconosciuto per le frazioni inferiori a 15 giorni, se superiori ricade nel calcolo del part-time.
Esempio: madre lavoratrice con sei mesi di assegno, domanda 12 gennaio 2015 e modifica del rapporto di lavoro a part-time dal 28 aprile 2015: l’assegno pieno copre i giorni dal 13 gennaio al 28 aprile, ossia 3 mesi e 16 giorni, arrotondati a 4 mesi di beneficio intero più 2 mesi di assegno riproporzionato in ragione della percentuale di part-time. Se invece una lavoratrice a cui siano stati riconosciuti cinque mesi di beneficio, presenta domanda il 12 gennaio 2015 e la modifica da part-time a full-time è il 27 aprile, passano tre mesi e 15 giorni, e in questo caso sono solo due i mesi di beneficio intero, e tre quelli proporzionato al part-time
FONTE PMI

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.